La Pinsa Romana

Quella che potremmo più giustamente chiamare “Pinsa romana moderna” è una rivisitazione di un’antica ricetta che risale al tempo dell’ Antica Roma, rielaborata grazie a ingredienti e tecniche di lavorazione moderne .La ricetta originale proviene dalle popolazioni contadine fuori le mura, le quali grazie alla macinazione di cereali (miglio, orzo e farro) e con l’aggiunta di sale ed erbe aromatiche, cucinavano queste schiacciatine o focacce. Il termine Pinsa deriva dal latino Pinsere, allungare-schiacciare. Questa ricetta classica nel corso dei secoli ha subito diverse rivisitazioni, fino ad arrivare ai giorni nostri. Le caratteristiche principali della Pinsa Romana sono: La Forma (Ovale, rettangolare e non circolare) La Fragranza (Croccante nei bordi e morbida all’interno) La Digeribilità (Grazie a diverse tecniche di lievitazione-maturazione) La Farina (Proveniente da una ricetta segreta)

Curiosità sulla Pinsa Romana

Sapevi che Pinsa viene dal latino “Pinsere” che in italiano significa allungare – stendere? Ha una forma ovale o rettangolare Per la diversa idratazione dell’impasto la Pinsa è molto più digeribile della Pizza Nasce prima della pizza da un’antica ricetta romana L’acqua che si utilizza nell’impasto è sempre fredda L’impasto ha meno carboidrati e grassi Frumento, soia e riso sono gli ingredienti alla base della ricetta

 

Queste e altre informazioni sul sito: http://www.pinsaromana.info/pinsa-romana-informazioni/